RECENSIONE: LOCKWOOD & CO. LA SCALA URLANTE di Jonathan Stroud

Buongiorno a tutti letterati,
benvenuti sul blog! Oggi è arrivato il momento di recensire il romanzo che mi ha portato a scoprire un autore favoloso, Jonathan Stroud, che con il primo romanzo della sua nuova serie Lockwood & Co. mi ha conquistato! Volevo parlarvi di questo romanzo appena finita la lettura, ma, a causa delle recensioni da scrivere, il suo momento arriva soltanto oggi; non sto più nella pelle, quindi iniziamo! Ringrazio la Salani per avermi inviato una copia cartacea in omaggio.


Titolo: Lockwood & Co. La Scala Urlante
Editore: Salani

Collana: RAGAZZI
Cartaceo: €10.00
Pagine: 400
Trama: Da più di cinquant'anni, Londra è scossa da quello che i suoi abitanti chiamano genericamente "Il Problema", ovvero un'epidemia di fantasmi che ha infestato tutta l'Inghilterra. Gli unici a poter vedere, sentire e combattere gli spiriti maligni sono i ragazzini, arruolati nelle numerose agenzie di acchiappafantasmi. Armati di spade d'argento, bombe di sale, limatura di ferro e Fuoco Greco, questi ghostbuster bambini devono affrontare le più terribili infestazioni. Ed è proprio alla ricerca di un lavoro che Lucy Carlyle, una giovane e talentuosa agente, si reca nella capitale, ma finisce per essere assunta dall'agenzia più piccola e sgangherata di tutte. Nonostante la guida dell'affascinante e carismatico Anthony, la Lockwood & Co. è sull'orlo del fallimento. Per salvarla c'è solo una possibilità, accettare un incarico molto speciale. Peccato che preveda di trascorrere la notte nella casa più infestata d'Inghilterra e nessuna garanzia di uscirne vivi... 

L'autore: Jonathan Stroud è nato in Inghilterra nel 1970. Laureato in letteratura inglese, è stato a lungo editor presso una prestigiosa casa editrice e ha pubblicato vari libri-gioco e tre romanzi prima del successo internazionale della trilogia di Bartimeus. Per scrivereL’Amuleto di Samarcanda si è licenziato, provando a vivere solo della sua penna. E, a giudicare dall’accoglienza entusiastica di pubblico e critica, è stata una buona scelta. Oggi abita nell’Hertfordshire con la moglie, illustratrice di libri per ragazzi, e i due figli. Salani ha pubblicato L’Amuleto di SamarcandaL’Occhio del GolemLa Porta di TolomeoL’Anello di Salomone (raccolti anche nell’edizione economica La Tetralogia di Bartimeus) e La valle degli eroi.


Comincio a scrivere questa recensione dicendovi una cosa molto semplice: sono diventato un fan sfegatato di questo autore dopo aver letto solo un romanzo da lui scritto! Non è un'affermazione puerile o scialba, ma ci tenevo a dirvelo per farvi capire quanto ho apprezzato la scrittura di Stroud, molto amata anche da Licia Troisi e Rick Riordan, che lo hanno incoronato come uno dei migliori autori di fantasy in circolazione. E dopo aver letto il romanzo capirete il perché, così come l'ho compreso io; allora vi renderete conto che Riordan non sbaglia affermando che: Stroud è un genio. Se avete voglia di leggere un romanzo in grado di sorprendervi sotto più punti di vista, con una trama innovativa e particolare, Jonathan Stroud è l'autore che state cercando! Cercherò, in questa recensione, di illustrarvi in maniera più chiara possibile la bellezza di questo romanzo, ma solo leggendolo riuscirete a capire il mio entusiasmo. Sarà ovviamente una recensione spoiler-free.
Il romanzo è diviso in cinque parti, e la prima parte inizia col botto, un concentrato di azione e suspanse che ci darà poche informazioni essenziali sui personaggi e il mondo in cui è ambientata la vicenda; sarà solo con la seconda parte che Stroud ci porterà a conoscenza del passato dei protagonisti con descrizioni dettagliate a riguardo.
Gli agenti acchiappa-fantasmi Lucy Carlyle e Anthony Lockwood sono pronti per affrontare un'infestazione di fantasmi trascorrendo una notte nella villa della signora Hope. Da più di cinquant'anni infatti, l'Inghilterra, e Londra in particolare, è alle prese con il cosiddetto Problema, un'infestazione di fantasmi che mette ogni giorno a repentaglio la vita dei cittadini. Non si conoscono ancora le cause dell'infestazione, ma per contrastarla sono nate dell'Agenzie che si occupano della rimozione degli spiriti che infastidiscono la quiete urbana. Lucy, la nostra protagonista, dopo essere fuggita dalla sua città natale, viene assunta nella più sgangherata delle agenzie londinesi, ovvero la Lockwood & Co. diretta da Anthony Lockwood. I due hanno affrontato molti pericoli e salvato la vita di numerosissime persone distruggendo vari tipi di fantasmi, ma si ritrovano di fronte un caso ben più complicato del solito quando varcano la soglia della villa degli Hope. Messi alle strette da uno spirito più crudele del previsto, che però riusciranno ad uccidere, saranno sorpresi da un incendio che distruggerà completamente la villa. L'evento macchierà la reputazione della Lockwood & Co. che si ritroverà sommersa di debiti. L'unico modo per non portare l'agenzia al fallimento sarà quello di fare luce su un mistero irrisolto e trascorrere la notte a Combe Carey, il maniero più infestato di tutta l'Inghilterra. Cosa succederà a questo punto? Che fine farà la Lockwood & Co.? Fino all'ultima pagina nulla è certo e continue sorprese stupiranno il lettore in un turbinio di eventi che lascerà sicuramente il segno!

"Rimarrete svegli a leggere fino a notte fonda, poi però dovrete dormire con la luce accesa. Stroud è un genio."

Rick Riordan
autore di Percy Jackson e gli Dei dell'olimpo

Già prima di iniziare la lettura del romanzo, sapevo che Stroud con la sua nuova saga mi avrebbe
La cover del sequel: Il Teschio Parlante
affascinato. Di certo non pensavo che Lockwood & Co. La Scala Urlante avrebbe superato nettamente le mie aspettative. Ciò che lo contraddistingue è il suo stile e il suo modo di strutturare una trama, che lo fa emergere fra i numerosi autori di romanzi per ragazzi. Vi dico inoltre che sconsiglio la lettura del romanzo ai bambini, perché questo romanzo non è affatto un middle-grade. Le atmosfere fosche e macabre, infatti, ricordano più uno YA; essendo poi, quello di Stroud, uno stile ricercato e particolare, la lettura della sua opera diventerebbe, per i bambini, difficile da portare avanti; quindi, se amate le storie paranormal in grado di tenervi con il fiato sospeso, questa lettura è adatta a voi. Non so cosa ho apprezzato di più di questo romanzo, se lo stile o la complessità della trama. Ma anche le ambientazioni oscure e l'intelligente descrizione dei personaggi non sono da meno! Lo stile è scorrevole e, come vi dicevo prima, molto ricercato, in grado di evocare atmosfere cupe e spingervi il lettore dentro; proprio dallo stile emerge l'esperienza dell'autore nel mondo della scrittura, che attraverso il suo modo di scrivere struttura la storia e i capitoli alternando parti descrittive e narrative a flashback per spiegare le cause che hanno trasformato il mondo in quello in cui i personaggi si muovono, permettendo al lettore di avere risposte istantanee a domande che sorgono spontanee durante la lettura, anche a causa della trama molto intricata. In quest'ultima infatti si riconosce un mistero nel mistero e una ricerca che ricorda i romanzi gialli, che porterà alla risoluzione di tutto attraverso un'intuizione e la rivelazione finale in un momento di pura azione, che lascerà il lettore scandalizzato come un'improvvisa secchiata di acqua gelida. Avremo inoltre una grande quantità di informazioni riguardo i fantasmi, che in base alla loro forza vengono divisi in classi (Fantasmi di Tipo Uno, di Tipo Due ecc.), riguardo i primi anni del Problema e la conseguenza della presenza dei fantasmi fra i cittadini, i metodi che il governo ha ideato per contrastare gli spiriti; tutto ciò, insieme a tanto altro ancora, è riassunto in un interessante glossario molto utile per il lettore, che trovate al termine del romanzo. Le ambientazioni singolari e innovative portano il lettore in un nuovo mondo, tetro e oscurato dalla paura, in una Londra grigia e paurosa in cui le varie agenzie operano, scontrandosi a più non posso per spiccare maggiormente rispetto alle altre. I personaggi sono ben studiati e oltre alle descrizioni, il loro carattere emerge anche attraverso i dialoghi svelti ma efficaci; Stroud ci porta a conoscere in particolare Lucy, la protagonista, parlandoci del suo passato tormentato e del modo in cui è entrata in contatto con Anthony e il suo buffo collaboratore George. Vorrei, inoltre, complimentarmi con la Salani per la meravigliosa veste grafica con cui ha presentato la serie ai lettori italiani!
Concludo la recensione dicendovi che dovete leggere assolutamente i romanzi di Stroud, perché in un modo tutto suo saprà conquistarvi!


La scrittura di Stroud è pura bellezza: una garanzia!

8 commenti:

  1. Molto interessante, lo aggiungo in WL! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un romanzo davvero ben strutturato: pochi autori mi hanno conquistato come Stroud!

      Elimina
  2. Recensione fantastica! Dopo aver capito quanto hai apprezzato questa lettura, mi è venuta voglia anche a me di leggere la serie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva!!! Spero ti piacerà tanto quanto è piaciuta a me!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

COMMENTA:

Grazie lettore per essere passato! Per lasciare una traccia di te, commenta e sarò lieto di risponderti!