BLOGTOUR BITTEN - LA NOTTE DEI LUPI: INTERVISTA A KELLEY ARMSTRONG


Salve a tutti letterati,
buona domenica! Termina oggi un'altra settimana, ma qui sul blog finirà in maniera molto speciale. Ho infatti il piacere di ospitare la seconda tappa del BlogTour dedicato ad una delle prossime uscite LainYa che proprio non potete perdere: sto parlando della ristampa di Bitten - La Notte dei Lupi di Kelley Armstrong, interrotta dalla Fazi alcuni anni fa... Tuttavia, siccome la LainYa sa come risollevare il morale dei lettori, ha deciso di ristampare il primo capitolo per poter continuare la pubblicazione dell'intera serie che, ve lo assicurò, vi incanterà! Questo è anche un post speciale, perché oltre all'intervista all'autrice ci sarà anche un fantastico GiveAway che vi consentirà di vincere due copie cartacee del romanzo. Direi quindi di iniziare subito...

Titolo: Bitten - La Notte dei Lupi
Editore: Fazi Editore
Collana: LainYa
Data di uscita: 9 giugno 2016
Pagine: 416
Cartaceo: €12.00
Trama: Toronto, oggi.

Elena Michaels è una giornalista di successo, ha un ragazzo normale che la vorrebbe sposare e ama correre di notte, veloce come il vento. Non sono certo le strade buie o i tipi loschi a farle paura, perché dalla sua ha qualcosa di straordinario.
È l’unica donna licantropo al mondo. Ha abbandonato il suo clan d’appartenenza e i comfort della villa, loro quartier generale, per una vita ordinaria. Alle spalle non si è lasciata solo un branco ma anche Clay, colui che l’ha tradita trasformandola in un licantropo.
Saranno l’amore per l’unico uomo che davvero le abbia toccato il cuore e il forte sentimento di appartenenza ai licantropi a ricondurla indietro, quando il branco avrà bisogno di lei.
È giunto per Elena il momento di scegliere tra l’amore per Clay e quello per il ragazzo della porta accanto, tra la sua nuova vita, tessuta su una tela labile e pregna di bugie, e la sua natura che, come la luna chiama le maree, la sta attirando a sé.

L'autrice: Kelley Armstrong è madre di tre figli e vive nella campagna dell’Ontario, dove è nata nel 1968. Oltre che della serie Donne dell’altromondo, composta da undici volumi, Kelley Armstrong è autrice anche della trilogia young adult The Darkest Powers: The Summoning – Il richiamo delle ombre (2011), The Awakening – Il risveglio (2012), The Reckoning – La resa dei conti (2013).


INTERVISTA
Contattare Kelley, un'autrice da un milione di dollari, non è stato facile. Anzi, è stato impossibile. Ma non per questo noi blogger ci siamo arresi all'idea di farvi conoscere meglio l'autrice e questa serie. Facendo un bel giro in rete ci siamo imbattuti in un'intervista che Glinda ha gentilmente tradotto (non nella sua interezza) per noi!
Questa intervista è stata tratta dal sito di Kelley Armstrong e fatta, in primo luogo, da Missy del blog LoveVampires, tradotta da Glinda per questo blogtour! Spero vi piaccia quanto è piaciuta al sottoscritto. 

Dicci qualcosa su Kelley Armstrong.
Sono l'autrice della serie paranormal suspense "Women of the Otherworld" e della trilogia young adult e urban fantasy "Darkest Powers",  ma anche della serie crime di "Nadia Stafford".  Sono cresciuta in Southwestern, Ontario, dove vivo ancora con la mia famiglia.  Sono una programmatrice di computer che è scappata dal suo cubicolo e spera di non tornarci mai più! 

Raccontaci della serie "Women of the Otherworld" 
Women of the Otherworld" è la mia serie primaria. Coinvolge un set molto vasto di donne dotate di poteri soprannaturali, ognuna con le proprie storie e avventure ricche di suspense. Anche se il narratore cambia, il mondo è condiviso da tutte, così è facile ritrovare le protagoniste in più di un libro.

In quasi ogni libro di questa serie cambia il narratore, come mai? 
E' una decisione che ho preso nel momento in cui l'editore mi ha chiesto di scrivere una serie. Ne ho discusso con il mio agente e gli dissi che non volevo fare mille romanzi con i personaggi di Bitten. Li amo, ma dopo qualche libro, avrei fatto fatica a trovare nuove minacce da fargli affrontare. Sarebbe diventato molto ripetitivo molto in fretta. Così abbiamo pensato all’idea di un mondo soprannaturale più vasto, e alla creazione di personaggi in Stolen da poter usare negli spin off come narratori. Questo ha significato infinite possibilità per la serie. Quando sono tornata ai miei lupi mannari per il #10 è stato divertente come per il #2. Non sarebbe stato lo stesso se fosse stato il decimo libro sui lupi mannari!

C’è un narratore che preferisci?
Non c’è un narratore che preferisco, ma alcuni sono più facili da scrivere rispetto ad altri. Elena è la più facile perché ho scritto spesso dal suo punto di vista (4 romanzi, una novella e un paio di racconti brevi).

C’è una coppia che preferisci?
Anche in questo caso la risposta è no. Mi piace scrivere di ogni coppia, ognuna per motivi diversi. 

Quali autori ti hanno influenzato?
Gli autori che mi hanno influenzato di più sono stati Stephen King (per la sua abilità di fare sembrare naturale il soprannaturale) e Anne Rice (per avermi mostrato come narrare la storia dal punto di vista del “mostro”)

Per partecipare dovete semplicemente compilare il form in tutti i campi che riportano la dicitura MANDATORY, ovvero:

Inserire il vostro indirizzo email
- Iscriversi come lettori fissi aI blog partecipanti al BT
- Inserire il nome che appare quando lasciate i commenti sul blog; 
- Inserire il vostro indirizzo completo di nome e cognome, via, cap, città, provincia;
Commentare le varie tappe del Blogtour;

E' possibile accumulare punti extra  così:
- Potete mettere mi piace sulle pagine dei blog partecipanti al BT
- Potete condividere questo giveaway sui vari social ogni giorno usando l'hashtag
#Bittenblogtour;


L'estrazione avverrà il 13 Aprile e potrete sapere chi ha vinto sia sulle pagine Facebook dei blog partecipanti, che nei post del blogtour (direttamente dal form)
Per il form da compilare vi rimando al post di Atelier dei Libri QUI 



Bene lettori, la mia tappa termina qui. Vi lascio il calendario del BlogTour con le prossime tappe e mi auguro che questo mio post vi sia piaciuto! Fatemi sapere, come sempre, il vostro parere nei commenti!

18 commenti:

  1. Grande Glinda come sempre,grazie per questa ricerca difficile,non conoscevo questi libri,trovo giusto la motivazione dell'autrice nel cambiare la voce narrante

    RispondiElimina
  2. Grazie per la traduzione di questa intervista. A me piace tantissimo il cambio di narratore.

    RispondiElimina
  3. Grazie per l'intervista e grazie a Glinda :) AMO "The Darkest Powers trilogy" è la mia serie preferita *-* e la notizia che la LainYA ristampa Bitten per finire la saga è bellissimo; sarebbe bello se pubblicassero anche altre serie della Armstrong e sopratutto "The Darkness Rising" seconda trilogia di Darkest Powers series.

    RispondiElimina
  4. Non ho letto ancora nulla di quest'autrice, però mi piace l'idea di cambiare narratore per ogni libro!

    RispondiElimina
  5. Io non ne avevo idea che questa serie avesse come protagonisti sempre personaggi differenti (l'ho scoperto di recente proprio con il BT)! Comunque mi sembra un'ottima scelta, perché come dice appunto l'autrice, parlare sempre di un personaggio potrebbe diventare ripetitivo. E poi mi fa piacere sapere che oltre ai licantropi ci sono anche protagoniste con altri poteri *_*

    RispondiElimina
  6. bellissima tappa complimenti devo troppo leggerlo **

    RispondiElimina
  7. Condivido la sua idea di non usare sempre gli stessi protagonisti - non solo è più avvincente per i lettori ma anche per gli scrittori stessi, che così non ricadono sempre nelle stesse situazioni e nelle stesse dinamiche.

    RispondiElimina
  8. Non conoscendo bene questa autrice leggere l'intervista mia ha aiutato molto ma mi ha anche portato a inserire Women of the Otherworld direttamente in wishlist, mi ispira moltissimo anche questa serie ahahahaha

    RispondiElimina
  9. Mi sembra un'idea davvero interessante quella dell'autrice di cambiare narratore a ogni romanzo, dà modo pure di scoprire cose in più e più spazio a tutti i personaggi. Mi spiace per la peripezia nel rintracciare l'autrice per un'intervista ma vi ringrazio per la traduzione molto interessante <3 Non conosco niente dell'autrice eppure è finito tutto in TBR!

    RispondiElimina
  10. questa mi sembra un'idea molto intelligente, anche se non originale in quanto mi sembra di averlo visto altrove! sono comunque molto incuriosito!

    RispondiElimina
  11. Grazie per la traduzione dell'intervista :)
    Questa serie mi ispira molto, è bella anche l'idea di avere un narratore diverso per ogni libro :)

    RispondiElimina
  12. Si è ispirata a Anne Rice! Non potrà non piacermi!

    RispondiElimina
  13. Dopo aver letto l'intervista sono ancora più curiosa di leggerlo!

    RispondiElimina
  14. Wow intervista interessante voglio leggere questo libro!

    RispondiElimina
  15. Mi sono piaciute le sue risposte, soprattutto per quanto riguarda la continuazione della serie con personaggi differenti, piuttosto che gli stessi e raccontando storie tanto per "allungare il brodo". Mi sono sempre più curiosa di leggere Bitten ma anche altri suoi libri!

    RispondiElimina
  16. Adoro la scelta di cambiare ad ogni libro I protagonisti , in questo modo non diventa ripetitiva e monotona come altre serie XD

    RispondiElimina
  17. Mi piace il fatto che la serie non è ripetitiva e non coinvolge sempre gli stessi personaggi, è una serie davvero lunga, sarebbe diventata troppo pensante :)

    RispondiElimina
  18. Intervista interessante, grazie a Glinda per la traduzione :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

COMMENTA:

Grazie lettore per essere passato! Per lasciare una traccia di te, commenta e sarò lieto di risponderti!