Recensione: LA NOTTE CHE HO DIPINTO IL CIELO di Estelle Laure

Buonasera miei adorati lettori,
perdonate la mia assenza! Questa recensione doveva andare online ieri, ma sono stato nella mia adorata Roma e una volta tornato avevo solo la forza di spostare le coperte! Per questo ho posticipato la recensione adorante di La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure ad oggi. Vi avverto: leggetelo o qualche giorno mi troverete sotto casa con il libro fra le mani per rammentarvi della vostra mancanza. Ringrazio la DeA che mi ha inviato gentilmente la copia.


Titolo: La notte che ho dipinto il cielo 
Autore: Estelle Laure
Editore: DeAgostini
Collana: Le Gemme
Cartaceo: €14.90
Pagine: 315
Trama: Per Lucille, diciassette anni e una passione per l’arte, l’amore ha il volto della sorellina Wrenny. Wrenny che non si lamenta mai di niente, Wrenny che sogna un soffitto del colore del cielo. E poi ha il volto di Eden. Eden che è la migliore amica del mondo, Eden che sa la verità. Quella verità che Lucille non vuole confessare nemmeno a se stessa: sua madre se n’è andata di casa e non tornerà. Ora lei e Wrennie sono sole, sole con una montagna di bollette da pagare e una fila di impiccioni da tenere alla larga. Prima che qualcuno chiami i servizi sociali e le allontani l’una dall’altra. Ma è proprio quando la vita di Lucille sta cadendo in pezzi che l’amore assume un nuovo volto: quello di Digby. Digby che è il fratello di Eden, Digby che è fidanzato con un’altra e non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. O forse sì? L’unica cosa di cui Lucille è sicura è che non potrebbe esserci un momento peggiore per innamorarsi…





E' difficile per me scrivere questa recensione, perchè non so da dove partire. Perchè non riesco a capire come un'autrice sia in grado di scatenare in te emozioni tumultuose, che ti trasportano come un fiume in piena. E forse perchè non so spiegarvi tutto ciò che questo meraviglioso romanzo mi ha lasciato. Una cosa è certa: l'ho amato più di altri romanzi che pensavo sarebbero rimasti per tantissimo i migliori. Non a caso ho terminato La notte che ho dipinto il cielo in quattro ore. E ora mi sento in colpa, perchè sono stato uno stupido a terminarlo così velocemente! Il romanzo è pieno zeppo di post-it, per la moltitudine di insegnamenti che vi ho trovato: il romanzo della Laure è un inno alla vita, all'amore, all'amicizia, al coraggio di essere se stessi. Per me è stato come un sogno, come se durante la lettura un alone di eterea bellezza mi circondasse, come se avessi al mio fianco Lucille che mi parlava. Non mi era mai capitato che un romanzo mi sconvolgesse così tanto, giuro, e invece la Laure è stata in grado di stupirmi ed emozionarmi al contempo! Ed ora, con le sue parole che mi scorrono in testa, provo a scrivere questa recensione. Ma vi avverto: non ne sono in grado, non riesco a trasmettervi tutto ciò che questo romanzo mi ha lasciato. Forse perchè scatena emozioni diverse in noi, andando a toccare punti intimi e delicati della nostra anima. O forse perchè si tratta di emozioni nuovo, speciali, mai sperimentate prima. Ma ora, vi racconto per bene qualcosa su questa perla di raro valore.

"Sono pazzi tutti quanti, sai. Lo capisci dopo un po'. Cambia solo il tipo di pazzia e la nostra voglia di conviverci oppure no. Questo lo decidi tu. Per il resto non puoi farci nulla."

Lucille ha una sfrenata passione per l'arte, diciassette anni, un segreto orribile da custodire e sua sorella Wrenny da crescere. Ed è proprio in lei che dopo ciò che succede riesce a trovare il sorriso: perchè Wrenny non si lamenta mai di nulla, perchè è speciale, perchè sogna una stanza dal colore del cielo. E poi c'è Eden, la migliora amica che si possa desiderare, perchè la capisce. E perchè conosce la verità, conosce il suo segreto: Lucille e Wrenny sono state abbandonate dalla madre e hanno tutta una vita da affrontare. Sono sole, con bollette da pagare e persone cui stare lontane. La loro vita sembra vacillare, ma Lucille trova un nuovo appiglio, un nuovo sorriso cui strappare bricioli di felicità da tenere con sé. E forse lo trova in una persona sbagliata, in un momento sbagliato. O forse no? Lucille è perdutamente innamorata di Digby, il fratello gemello di Eden, che è fidanzato con un'altra e che non può ricambiare i suoi sentimenti. Tutto sembra andare per il verso sbagliato o è solo questione di prospettiva?

"Che senso ha vivere, se non sei disposta a lottare per ciò che di vero hai nel cuore, se non sei disposto a rischiare qualche ferita? Bisogna infuriarsi."

Dire che ho amato questo romanzo sarebbe come dire la bugia più terribile della mia vita.
Perchè io non l'ho amato questo romanzo! Ho frammentato ogni singola parola, ogni singola pagina, e quei frammenti così preziosi per me, così importanti, li ho custoditi fin quando non sono entrati nel mio cuore. E da lì non fuggiranno, mai. Forse sarà uno di quei pochi romanzi che rileggerò un giorno. Lo so, lo so, ci sono troppi libri da leggere e non si può rileggere infinite volte un romanzo. Fino a un giorno fa la pensavo così anch'io, però voltata l'ultima pagina di questo romanzo ho cambiato idea: perchè questo è uno di quei romanzi che ogni volta che lo si rilegge, è come fosse la prima. Si nota dalle prime pagine che è un libro scritto da una persona che ha una certa professionalità con le parole, con la poesia che possono dar vita se solo qualcuno le sa disporre nel modo corretto: la Laure lo sa fare, come nessuno prima di lei. E fatemelo dire, si nota che ha avuto esperienze nell'ambito della scrittura creativa, perchè il suo stile efficace e toccante è merito di un saggio accostamento di semplici parole. Aprendo questo libro non troverete uno stile ricercato, difficile da comprendere. Tutt'altro: la Laure con il suo romanzo d'esordio è stata in grado di dar vita ad una storia utilizzando uno stile che definirei scarno per esprimere situazioni complesse, sentimenti perduti e poi ritrovati, dubbi in cui si rischia di sprofondare inevitabilmente. Nonostante ciò, con l'accostamento di parole semplici e quotidiane descrive alla perfezione i personaggi, i loro pensieri e le ambientazioni. Forse questo è il romanzo con i personaggi cui mi sono più affezionato. Dal primo all'ultimo. Lucille con le sue incertezze, l'amore per Digby da nascondere, la passione per l'arte da reprimere dentro di sé per un motivo che neanche lei conosce. Wrenny, la sorella che tutti desiderano, con una maschera sorridente che è costretta ad indossare quotidianamente, e con un cuore in mille pezzi. Eden, un'amica saggia, i cui consigli sì, non sono sempre gradevoli, ma in ogni caso sono preziosi. E poi Digby, diviso dalle sue stesse emozioni, che rischia di sprofondare in un baratro di incertezze e che invece alla fine di tutto riscopre se stesso. Ogni elemento di questo romanzo è una nota armoniosa che va a comporre una perfetta melodia che costringe il lettore ad iniziarlo e poi finirlo, Perchè La notte che ho dipinto il cielo non è un semplice libro. E' una lezione di vita, un incoraggiamento a vivere per mettersi in gioco e non arrendersi. Mai. A questo punto proseguire mi sembra impossibile, altrimenti dovrei cominciare a fare l'elenco di ogni singolo sentimento provato durante la lettura, di ogni particella del mio corpo che è stata toccata dalle parole della Laure, del numero di post-it che ricoprono le pagine. Per questo fermarmi qui mi sembra più che doveroso. Soprattutto nei vostri confronti se non avete ancora letto questa meraviglia, per invogliarvi a farlo. Vi sto supplicando in ginocchio affinchè lo facciate, sappiatelo!
La notte che ho dipinto il cielo si propone come uno dei romanzi più belli dell'anno. (se non IL più bello dell'anno).

"E' strano: quando fai qualcosa di sbagliato, o quando litighi con qualcuno, d'un tratto quella persona ti spaventa, diventa un'estranea. Anche se conosco Eden da una vita, anche se è la mia migliore amica e sempre lo sarà, adesso mi spaventa. Mi spaventa perchè ho paura che non mi voglia più bene."

Semplicemente perfetto!

5 commenti:

  1. Si vede che ti ha colpito molto nel profondo, e di questo molti ne hanno parlato benissimo, hai fatto una bellissima recensione complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! I tuoi commenti mi fanno felice :)

      Elimina
  2. Che bella recensione ^_^,
    Ho aggiunto questo libro nella mia lista un pò di tempo fà, leggendo la tua recensione mi è venuta voglia di comprarlo e di iniziarlo subito. Spero di acquistarlo presto e di lasciarti anche il mio parere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere! So già che lo amerai :) è una lettura che mi ha colpito nel profondo!

      Elimina
    2. Fammi sapere! So già che lo amerai :) è una lettura che mi ha colpito nel profondo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

COMMENTA:

Grazie lettore per essere passato! Per lasciare una traccia di te, commenta e sarò lieto di risponderti!