Recensione: UNA PRESENZA IN QUELLA CASA di Paige McKenzie

Buon pomeriggio a tutti miei cari letterati,
sono felice di tornare qui sul blog! Ieri ho marinato la Cover Shift e oggi salta il Teaser Tuesday per dare spazio alla recensione di Una Presenza in quella Casa di Paige McKenzie, romanzo cui io ed altri blogger abbiamo dedicato un blogtour: QUI la mia intervista. Devo dire che il romanzo mi è piaciuto e spero che il seguito venga tradotto presto.



Titolo: Una Presenza in quella Casa
Autore: Paige McKenzie
Editore: Giunti                                      
Collana: Waves
Pagine: 303
Data di uscita: 20 gennaio 2016
Cartaceo: 16.00
Trama: Tutto comincia nel 2010, quando una sedicenne simpatica e carina posta su YouTube un brevissimo filmato: "Ragazzi, so che vi sembrerà strano" e confessa il sospetto che la casa in cui si è appena trasferita con la madre sia infestata dai fantasmi. La madre non le crede e lei decide di documentare il fenomeno scattando foto. Nel giro di pochi anni la serie di brevi filmati che la vedono protagonista diventa uno straordinario successo, con 130 milioni di visualizzazioni e oltre 313.000 follower su Instagram, Twitter, Facebook e YouTube. Il romanzo dona profondità al racconto che ha stregato così tanti seguaci. Sunshine, questo il soprannome della ragazza, percepisce la risata di una bambina, nota oggetti spostati in casa e arriva a convincersi che in passato una bambina di sette anni sia stata affogata nel bagno del piano di sopra. Kat, la madre adottiva con cui Sunshine ha sempre avuto un rapporto molto aperto e affettuoso, insiste nel dire che è tutto frutto di immaginazione e comincia a comportarsi in modo sempre più incomprensibile, inquietante. C'è solo una persona che le dà credito: Nolan, un compagno di liceo che condivide la sua passione per la fotografa ed è disposto ad affiancarla per studiare i vecchi casi di cronaca nel tentativo di capire cosa stia davvero succedendo. La tensione sale inarrestabile e Sunshine capirà che sua madre è in pericolo e ciò che credeva di sapere del proprio passato è tutto da riscrivere.

                                                                      RECENSIONE

La protagonista è Sunshine, una ragazza che ha appena compiuto sedici anni, adottata da un'infermiera che la trovò poco dopo la sua nascita, e che si trasferisce con la madre a Ridgemond nello stato di Washington. Una volta arrivata nella nuova casa, Sunshine avverte subito qualcosa di strano, di sinistro: nella villa regnano un freddo pungente ed un opprimente odore di muffa. Tuttavia Sunshine si accorge anche di strane presenze che la perseguitano e comincia a notare oggetti che si muovono o che si rompono o addirittura presenze paranormali che la invitano a giocare a Monopoly e a scacchi. Nel frattempo Sunshine conosce Nolan, un ragazzo che frequenta la stessa scuola della nostra protagonista. Sunshine quando è vicina a lui è invasa da vampate di calore e pian piano gli rivela la sua paura: paura dei fantasmi. Tuttavia i fantasmi cambiano e oltre ad invitarla a giocare, inducono la madre a distaccarsi dalla figlia, a comportarsi in maniera diversa dal solito. La sedicenne comprende che la posta in gioco è alta e che qualcuno sta manipolando la sua vita che è cambiata radicalmente con il trasferimento. Con l'aiuto di Nolan e dello stesso fantasma che la ossessiona, Sunshine verrà a capo di tutto. Almeno è quello che crede. Perchè le cose sono più complesse di quello che sembrano e risolvere l'enigma sulla vita della ragazza sarà un'impresa ardua e, soprattutto, pericolosa. 
" - Mamma, questa casa è sinistra.- Siamo solo a metà del vialetto di ghiaia della nostra nuova casa e già lo sento. Persino il vialetto lo è: lungo e stretto, con alti cespugli su ambo i lati che impediscono la vista del giardino davanti casa dei vicini. - Sini-strabella però!- ribatte la mamma con un sorriso. "
Una Presenza in quella Casa è un romanzo che si legge in un soffio, merito dello stile della
McKenzie scorrevole e piacevole. Alcune volte il suo stile può sembrare superficiale, ma nella maggior parte delle volte appassiona il lettore e lo avvicina alle vicende della protagonista. Logicamente è il primo romanzo di una trilogia e l'autrice è una sedicenne, quindi maturerà il suo lessico e la strutturazione delle sue opere. E' un romanzo cui ci si appassiona, perchè si prova interesse verso le vicende che affliggono la vita della protagonista. E' un romanzo adatto al periodo invernale, adatto a chi non ama gli horror, ma che vuole provare solo qualche brivido; se però cercate un romanzo emozionante, ricco di riflessioni, o un horror che non vi farà dormire vi dico una sola cosa: Una Presenza in quella Casa non fa per voi. I personaggi sono descritti velocemente, in quanto l'autrice si è concentrata più sugli eventi legati al paranormale. In alcune parti però, il carattere dei personaggi si fa sentire, andando a dare varie sfumature alla storia. Un esempio è quello della signora Wilde, professoressa di arti visive presso l'istituto frequentato da Sunshine che crea con il suo comportamento un alone di mistero intorno alla sua vita. Di questo romanzo ho apprezzato i vari risvolti della trama, perchè, credetemi, non pensavo ci potessero essere rivelazioni alla portata di quelle presenti in questo romanzo. Le mie convinzioni radicate su alcuni avvenimenti futuri della trama, sono state stroncate di volta in volta senza preavviso. Altra cosa che ho apprezzato è la crudezza nella descrizioni di alcune scene, descrizioni vere e istantanee, non di quelle noiose lunghe pagine e pagine. La velocità della narrazione è un altro punto a favore del romanzo: molte volte quando scrivo recensioni dico che alcune pagine potevano essere tranquillamente eliminate. Ma nel caso del romanzo della McKenzie non è così. Certo, in alcuni punti l'autrice poteva concentrarsi su alcuni dettagli, però credo che è stata una sua decisione di stile. Tanti saranno i colpi di scena, fino alla fine della storia (c'è una sorpresa negli ultimi quattro righi del romanzo!) e tanti saranno gli enigmi svelati. Devo dire che è stata una lettura molto piacevole, non perfetta sicuramente, ma adatta ai giorni di nebbia e pioggia accompagnati con una calda tisana.


Un paranormal che si legge tutto d'un fiato, pieno di colpi di scena e di enigmi da svelare che accompagneranno il lettore alla scoperta di demoni e fantasmi.

6 commenti:

  1. Devo essere sincera, Leggendo la trama sembrava carino ma nulla di più. Non riuscivo a capire se potesse piacermi oppure no, infatti non l'ho aggiunto in wishlist anche se ne sto sentendo parlare molto. Ora però, leggendo la tua recensione, mi hai molto incuriosita quindi lo metto tra i prossimi acquisti da fare, sperando che possa piacermi molto quante è piaciuto a te :)

    RispondiElimina
  2. Sono sempre più convinto di questo libro,mi piace moltissimo

    RispondiElimina
  3. Io ce l'ho ma devo ancora leggerlo...

    RispondiElimina
  4. è nella mia wl anche se non ero molto convinta ma dopo la tua recensione ho molti meno dubbi grazie tesoro per avermi schiarito le idee

    RispondiElimina
  5. Bella recensione, sono curiosa! :)

    RispondiElimina
  6. questo libro mi ispira tantissimo, è già nella mia wishlist

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

COMMENTA:

Grazie lettore per essere passato! Per lasciare una traccia di te, commenta e sarò lieto di risponderti!